Video art


 Nel ventre di Pinocchio
videoistallazione


Quando Pinocchio è stato restituito alla sua forma originale dai Picchi silvestri, la Fata gli fa una proposta che parrebbe singolare: "se vuoi rimanere con me tu sarai mio fratellino ed io la tua buona sorellina". Dichiarandosi sorella la Fata conferma che tanto Pinocchio ha bisogno di lei quanto lei di Pinocchio, che sono legati da una fraternità fatale, iniziatica.
#Soggetto, animazione e fotografia di Celeste Taliani.
#Silhouettes dipinte realizzate da Francesca Casolani.
#Una produzione Taliani/Casolani.
Presentato al Festival Internazionale del Teatro di Figura di Pinerolo ”Immagini dell’Interno” dal 21 maggio al 23 giugno 2012 ;alle mostre di arte contemporanea “Mandatoriccio città aperta” (CS) e “CasAperta” (TE)



Alkaest_Fragments d'une histoire d'alchimie 
Performance pour théatre d'ombres et marionettes 

Du mercredi 21 avril au samedi 24 avril 2010, 20.30h
Salle dellOrangerie - anisGras - 55, avenue Laplace - 94110 Arcueil - Paris
Réservation : 01 49 12 03 29 ou lelieudelautre@no-log.org
 

  Crèation: Taliani-Casolani; Regie et texte: Massimiliano Troiani; Marionettes: Camilla Gulini; Ombres et peinture: Francesca Casolani; Vidèo: Celeste Taliani; Saxophone et èlectronique: Massimo Valentini

Le projet "ALKAEST, fragments d'une histoire dalchimie" est né de la rencontre entre des artistes issus du théâtre de marionnettes, de l'art visuel, des arts plastiques et de la musique.
Ce qui les a poussé à realiser cette performance est laffinité existant entre le langage de lart et la philosophie propre à lalchimie.

Cette histoire dalchimie, dense hiéroglyphes et de symboles, ne nous dit pas si l'alchimiste a réussi à transformer le plomb en or et s'il est parvenu à toucher la pierre philosophale.
Dans cet espace imaginaire, prend forme lidée que toute voie, du moment quelle peut être parcourue, n'est pas forcément la bonne.




Alkaest, frammenti di un racconto alchemico 
Performance per teatro d’ombre, video e marionette


 Ideazione e creazione: Taliani - Casolani ; Testo: Massimiliano Troiani ; Marionette: Camilla Gulini Ombre: Francesca Casolani ; Video: Celeste Taliani ; Saxofono ed elettronica: Massimo Valentini

Il progetto "Alkaest, frammenti di un racconto alchemico" nasce dall'incontro di artisti provenienti da diverse discipline: teatro di marionette, arte visuale, arte plastica e musica contemporanea. Ciò che ha permesso la realizzazione di questa performance è l'affinità esistente fra il linguaggio dell'arte e la filosofia propria dell'alchimia.
MAGGIORI INFORMAZIONI SU  MYSPACE



Maat
Video art


Ideazione, regia, riprese, montaggio: Celeste Talini
Performer: Francesca Casolani
(2010)

MAAT è la dea dell'Antico Egitto che rappresenta l'armonia cosmica, la forza che mantiene il mondo nella sua continuità, l'ordine universale.
Il filo, legame magico, esprime insieme ciò che imprigiona e ciò che unisce, e permette di orientarsi tra le due cose. Il filo, che Arianna concede come strumento per orientarsi nel labirinto, è lo stesso che viene filato, dipanato e tagliato dalle Parche, ed è anche lo stesso filo estratto dal corpo della Donna Ragno che ha tessuto l'universo nel mito Hopi, e che con esso si àncora a tutte le sue creature, per mantenerle collegate a lei, creando una ragnatela-rete di connessione universale.

MAAT is the ancient Egyptian goddess who represents the cosmic harmony, the force that keeps the world in its continuity, the universal order.
The wire, magical link, expresses what imprisons and what unites, and it can orient between the two. The wire that Ariadne gives as a way through the labyrinth, which is the same is spun, unwound and cut by the Parcae, and is also the same wire extracted from the body of the Spider Woman who wove the universe in the Hopi myth, and it binds with all his creatures, to keep them connected to her, creating a universal web-connection network.




Estratti - Video di scena di "Un souffle, une ombre, un rien"


Estratti dai video di scena dello spettacolo "Un souffle, une ombre, un rien.
Expérience pour marionnettes et spectateurs" della Compagnia di teatro di figura STULTIFERANAVIS.
Creazione video ed animazione: Celeste Taliani
Realizzazione artistica sagome: Francesca Casolani
Musiche: Simone Armini



Nigredo 
Video-installazione supportata da teatro d'ombra e teatro d'oggetti


Ideazione: Francesca Casolani, Celeste Taliani. Ombre: Camilla Gulini, Francesca Casolani; video: Celeste Taliani; musiche: Massimo Valentini.
 Presentato a Roma all’interno della collettiva d’arte “Nigredo” , Ex- Lavanderia.
Ottobre 2009




Terrestre_movement in still life    
Video Dance



GUARDA IL VIDEO SU VIMEO

Autori: Maria Celeste Taliani, Simona Bertozzi, Marcell Briguglio
Regia: Maria Celeste Taliani
Coreografia e danza: Simona Bertozzi
Suono: Roberto Passuti
Fotografia: Marco Cavallo, Dominga Colonna
Produzione: Riccione TTV
Durata: 10 minuti
Anno di produzione: 2008
Genere: Video danza
Realizzato con il contributo del PREMIO DI RICERCA Riccione TTV / Videodance - Moving Virtual Bodies /, and with the ReteAnticorpi XL network / Young Dance of author
VINCE IL PREMIO come MIGLIORE VIDEO INDIPENDENTE - Il Coreografo Elettronico / 16th INTERNATIONAL FESTIVAL OF VIDEODANCE – Napoli (Italy) - 2009




Gestazione di marionetta
Video art 


un video di Celeste Taliani e Francesca Casolani.
Marionetta Primitiva della compagnia di teatro di figura "Stultiferanavis".
Dicembre 2008




La bottega dei vasai 



documentario sull’antica bottega della famiglia di ceramisti d’arte marchigiani Bozzi.
Regia, riprese, montaggio: Celeste Taliani
Premiato come miglior lavoro nell’ambito della Terza Mostra Concorso di Ceramica d'Arte Contemporanea promossa dal Rotary Club Pesaro e dai Musei Civici.
(2007)




Passa Corrente
Video poesia 


Un video di Maria Celeste Taliani
Con Romina Mascioli
Frammenti sonori da KARLHEINZ STOCKHAUSEN
Girato nel ex-ospedale psichiatrico San Benedetto di Pesaro
Anno di produzione 2007




Ombre a fuoco dolce



La lavorazione della Ceramica Raku nella città di Urbania.
Creazione Video: Maria Celeste Taliani
2004

Nessun commento:

Posta un commento